Home » IAR ESISTENZIALE » L’istituto di analisi relazionale IAR Esistenziale e’ un’ associazione

L’istituto di analisi relazionale IAR Esistenziale e’ un’ associazione

L’istituto di analisi relazionale IAR Esistenziale e’ un’ associazione senza scopo di lucro che si occupa del disagio psichico e della sua prevenzione

L’istituto di analisi relazionale IAR Esistenziale e’ un’ associazione senza scopo di lucro che si occupa del disagio psichico e della sua prevenzione seguendo un

approccio multidisciplinare.

All'associazione afferiscono figure professionali

con diverse competenze o specializzazioni

L'associazione si avvale di un Comitato Scientifico Internazionale ed è collegata a Scuole di formazione riconosciute in diiversi Paesi europei e ad Associazioni internazionali. 

Conduce attività di ricerca, editoriali e di cura dei disturbi mentali.

Nell’ ambito di tali attività 

sono state attivate delle sedi di consulenza e trattamento  

e un servizio di aiuto  

sull’abuso di sostanze psicoattive e sulle alternative agli 

psicofarmaci  

Le prestazioni di prima consulenza erogate sono gratuite 

ed hanno obiettivi di informazione. sensibilizzazione ed indagine in psicologia applicata 

Dal 1982 al 1993 l'I.A.R. ha svolto con continuità e senza alcuna interruzione, attività didattica volta alla formazione di psicoterapeuti attraverso corsi quadriennali riconosciuti come titolo valido per la qualifica di psicoterapeuta a norma dell'art. 35 legge 56/89, dal Consiglio Regionale dell'Ordine.

 

Conferenza Giugno Kursaal

Conferenza Giugno Kursaal -  lezioni di chitarra classica

Repubblica.it

Conferenza del 15 Dicembre

Conferenza del 15 Dicembre -  lezioni di chitarra classica

 lezioni di chitarra classica

 lezioni di chitarra classica

Conferenze del 1 e del 15 Ottobre 2011

 lezioni di chitarra classica

Bulimici e Obesi Immancabilmente presso L'associazione 049624702 Volume tratta il problema della bulimia e del sovrappeso con il contributo dei maggiori esperti italiani e stranieri. Edito dalla Cleup é curato da lucio Demetrio Regazzo.